giovedì 28 novembre 2013

TRECCIONE SOFFICE ALLA MARMELLATA


Non volevo postare questa ricetta perché l'aspetto lascia un po desiderare...ho dato vita a un infinito treccione che non riusciva a prendere posto né in teglia nè in tavola...ma a volte non serve la perfezione per descrivere e trasmettere la bontà di un piatto, è vero si anche l'occhio vuole la sua parte, ma in cucina lasciamo posto alla bocca e al palato per il giudizio finale!


INGREDIENTI
1 uovo
300 g farina 00
200 g farina manitoba
300 g di latte di soia
100 g di zucchero
1 cucchiaio di miele
60 g di MARGARINA CASALINGA (trovate sul mio blog, momentaneamente non riesco a inserire il collegamento)
100 g di lievito madre fresco
marmellata di pesche

lavorare tutti gli ingredienti in una planetaria fino a ottenere un panetto liscio e omogeneo, che lasceremo lievitare per almeno 3-4 ore, posizionandolo in un ambiente con una temperatura di almeno 25/27° oppure accendere il forno e portarlo a 50° spegnere e mettere dentro l'impasto.

Una volta raddoppiato il volume, far scendere delicatamente l'impasto sulla spianatoia e allargarlo delicatamente con le mani formando un rettangolo.

Dividerlo in 3 parti ottenendo dunque tre rettangoli.

Porre al centro di ogni rettangolo un bel po di marmellata per tutta la lunghezza, e poi avvicinare le due estremità del rettangolo sopra la marmellata,fino a sovrapporsi pizzicando la pasta sul bordo in modo da sigillare bene ed evitare che in cottura fuoriesca il ripieno.Si otterrano dunque dei cilindri di pasta.

Aiutandoci con il palmo della mano arrotolare ogni cilindro su se stesso così di dare una forma più regolare e tondeggiante.

Mettere vicini i tre cilindri ripieni. Avvicinare "le loro teste" in modo da creare il capo della treccia. poi iniziare a sovrapporre l'una e l'altra estremità sulla parte centrale dei cilindri in modo da dar forma alla treccia.

Mettere di nuovo a lievitare per circa 1 ora, poi spennellare con la margarina e cuocere in forno a 180° per circa 30 minuti,

Una volta sfornata mettere a raffreddare su una griglia così da far evaporare l'umidità ottenendo una treccia morbida e leggera

ecco la foto, dell'enorme treccione che ero in dubbio se pubblicare ....:-):-)



8 commenti:

  1. Divino! Sei grande.... e anche tu ti fai la margarina in casa. Bravissima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Erica faccio la margarina in casa e infatti ti ho citata e ringraziato in altri post compreso quello della Margarina! Grazie Erica è anche merito tuo l'ottimo risultato :-(

      Elimina
  2. Sei bravissima Claudia! Complimenti! Poi cucini sempre sano;-)

    RispondiElimina
  3. Piccolo pensiero per te:
    http://puperta-in-cucina.blogspot.it/2013/11/premio-conoceme.html#gpluscomments

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie di cuore Roby!!!Lo ho inserito nei miei premi...anche perché è il mio primo premio quindi per me veramente importante

      Elimina
    2. Ma di cosa Claudia ;)
      Ora, se hai tempo e voglia, devi fare la stessa cosa per 14 blog che ti piacciono ;)
      E' una sorta di catena di Sant'Antonio :P

      A presto carissima!!!

      Elimina
  4. Come no....carino....molti xhe piacciono a me lu hai già premiati anche tu :-) si può cmq mandare di nuovo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MmmM credo di si..ehm ne sono quanto te ;) Ma non penso ci siano delle regole precise!!!

      Elimina

E' bello conoscere il vostro parere, la vostra opinione e i vostri consigli! Risponderò a tutti voi con molto piacere