sabato 26 aprile 2014

"LA PIZZA SBATTUTA RIPIENA" ...un paradiso di sofficità

 
Non è mai troppo tardi per un buon dolce! Questa delizia di sofficità rientra nel dolce di fine pranzo per il giorno di Pasqua; tutti gli anni viene preparato in casa nostra e ogni anno si gareggia tra parenti per la riuscita migliore, in quanto l'assenza dell' utilizzo del lievito è un punto dfficilissimo per il traguardo!
Lo chiamiamo "pizza sbattuta" , si prepara spesso nella zona della Ciociaria, originari i miei nonni di questa zona appena Campana, si tratta di un tipico pan di spagna, nel quale viene omesso l'utilizzo del lievito, quindi deve essere ben montato incorporando più aria possibile all'impasto, importante per la crescita del dolce in fase di cottura!
Noi, parlo al plurarale perché insieme alla mamma abbiamo intrapreso la corsa al dolce, e noi ne siamo uscite molto soddisfatte!
 
PER LA BASE
8 uova
8 cucchiai di zucchero
8 cucchiai di farina
1 bacca di vaniglia
 
PER LA BAGNA
alchermus
 
PER IL RIPIENO
 
inserire le uova in una planetaria da cucina insieme allo zucchero.
 
Incidere la bacca di vaniglia nel senso della lunghezza e prelevare i semini all'interno, aggiungerli alle uova e zucchero.
 
Azionare la planetaria e montare bene almeno per 10/15 minuti il composto, finchè risulterà chiaro e gonfio.
 
Aggiungere la farina poco per volta con una spatola, mescolando dal basso verso l'alto per non smontare il composto.
 
Versare il tutto in una teglia rivestita con carta forno e cuocere a 170° per 45 minuti.
 
Una volta cotta la base, raffreddare e intanto preparare la crema come riportato nella mia ricetta QUI
 
Tagliare a metà il pan di spagna ottenuto e bagnare delicatamente con archemus la base, coprire con la crema, e bagnare di nuovo la superfice con il liquore.
 

 
 
Spolverizzare con zucchero a velo.
 
 
 
 
 

giovedì 17 aprile 2014

LA PADELLATA COLORATA..un secondo piatto completo e sano


 
 
Un secondo piatto a casa nostra può essere anche un insieme di alimenti, l'insieme che trova connubio tra nutrizione sana e bontà.
Io amo fortemente i legumi e tutti noi dovremmo imporci di inserirne un po' più frequentemente nelle preparazioni, hanno tante proprietà tra cui fonte proteica vegetale che è molto meno invasiva per il nostro organismo rispetto a quella animale.
Mi diverte e mi appaga l'insieme dei colori che si mescolano nel piatto e poi le varianti che possono essere applicate sono numerose.
Io condivido con voi la mia variante, semplice veloce e di gran gusto :-) 
 
INGREDIENTI:
- 3 zucchine
- 1 melanzana
- 100 g di fagioli borlotti (precedentemente messi in ammollo con acqua per 12 ore e poi cotti)
- una manciata di mais
sale
olio
 
Pulire le zucchine e tagliare a rondelle abbastanza sottili.
Lavare la melanzana e tagliare a cubetti piccoli.
 
Scaldare una padella antiaderente e versare all'interno i due tipi di verdure e cuocere a fiamma viva per 5 minuti, senza olio, ottenendo un risultato un po' brustolito tipo grigliato, salare abbassare la fiamma, incoperchiare e continuare a cuocere ancora 10 minuti scuotendo ogni tanto la padella in modo da non farle attaccare al fondo.
 
Solo a metà /fine cottura aggiungere i fagioli e il mais e un bel giro di olio di oliva.
 
Cuocere ancora un paio di minuti e poi lasciare coperti fino al momento di servire.
 
 

martedì 15 aprile 2014

IL BRUSLENGO...PER PASQUA MA ANCHE NO


 
 
Quanta assenza!!!!... quasi mi sento nuova rientrare con un mio post, purtroppo questo periodo è stato per me un susseguirsi di impegni dove 24 ore di giornata non erano più sufficienti per portare a termine tutto, e cosi ho dovuto un po tralasciare le insersioni, ma nel frattempo non ho di certo smesso di far avanzare un ritaglio di tempo per le mie preparazioni. La cucina è qualcosa di straordinario per me, gioia emozione soddisfazione e relax, un connubio di aggettivi che mettono a tacere tutto ciò che c'è di negativo in una giornata tipo.
Rientro con un post dedicato alla Pasqua, una festa che in casa stiamo risentendo in maniera più accentuata, in quanto con l'arrivo dei nostri piccolini tutto sembra più magico...vi presento il BRUSLENGO, un dolce tipico che mi ha insegnato la nonna e che preparava ogni volta per il fine Pranzo Pasquale. Un dolce da una consistenza stabile ma allo stesso tempo morbida, dolce ma allo stesso tempo delicato, e allora...vi lascio alla ricetta :-) 
 
 
INGREDIENTI:
7 uova

1 l di latte parzialmente scremato (io ho usato latte di riso)
10 cucchiai di zucchero
11 cucchiai di farina
1 bustina aroma alla vaniglia (si puo utilizzare anche la scorsa di 1/2 limone)
 
PREPARAZIONE:
Inserire tutti gli ingredienti in un mixer e agitare fino a che siano perfettamente amalgamati.
 
Ungere una teglia con un po di margarina (o anche burro - io addirittura metto carta forno) e versare tutto il composto che risulterà molto liquido.
 
Mettere in forno a 180° per circa 45/50 minuti.
(noterete che i bordi tendono a scendere verso l'interno, ma non è un errore, va bene così)
Il dolce risulterà ancora morbido, ma leggermente budinoso